Il decalogo: obiettivi e raccomandazioni

Una sana alimentazione, associata a uno stile di vita attivo, può aiutare a prevenire, gestire e trattare efficacemente molte malattie.

Nel caso di un tumore non si tratta di una pura formalità, bensì di un dato scientifico provato: molte terapie e campagne di prevenzione puntano a una dieta sana e un’attività fisica quotidiana.

È per questo che il Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro (World Cancer Research Fund) nel 2007 e il Codice Europeo contro il Cancro del 2014 suggeriscono alcune raccomandazioni per la prevenzione dei tumori, cui corrispondono altrettanti specifici obiettivi di Sanità Pubblica.

Per prima cosa, correggere abitudini quotidiane sbagliate: il fumo, estremamente dannoso anche quando è passivo, la sedentarietà, che favorisce l’aumento di peso associato allo sviluppo di molti tumori, la non adesione agli screening, come mammografia, sangue occulto nelle feci, PAP-test, mappatura dei nei, ecc., che permettono una diagnosi precoce e quindi maggiori possibilità di guarigione.